FRANCIA – PARIGI. Chiesa di San Vincenzo de’ Paoli, con “Ultima Cena”, XIX secolo

 

Il progetto di una nuova chiesa in rue de Belzunce fu affidato a Jean-Baptiste Lepère (1761-1844), che aveva accompagnato Bonaparte in Egitto. Associò rapidamente suo genero, l’architetto Jacques-Ignace Hittorff (1792-1867) all’azienda. La prima pietra di un edificio basilicale fu posta nel 1824. Ma la crisi economica del 1826 e la rivoluzione del 1830 fermarono i lavori. Infine, nel 1832, il progetto passò nelle mani di Hittorff che lo rimodellò a modo suo. La chiesa fu consacrata nel 1844.

Hittorff, appassionato di policromia, volle una facciata ornata di dipinti e approfittò di una tecnica apparsa nel 1827: la pittura a smalto su una lastra di lava vulcanica, o pietra di Volvic, nella regione dell’Alvernia. Tra il 1845 e il 1859, il pittore Pierre-Jules Jollivet (1794-1871) realizzò tredici pannelli per la facciata. Nel suo libro L’Art de Paris, lo storico dell’arte Jean-Marie Pérouse de Montclos scrive che questa decorazione “fu il primo e più importante esempio dell’uso della lava smaltata”. Uno, raffigurante Adamo ed Eva  nell’Eden, conteneva nudità e creò uno scandalo; fu rimosso nel 1861 e riportato alla sua posizione originale solo nel 2011.

Oggi la facciata neoclassica presenta un pronao con sei colonne; sulla parete sono i pannelli con scene dell’Antico e del Nuovo Testamento; uno di questi, in basso a sinistra, raffigura una Ultima Cena.


 

La chiesa conserva anche un’altra raffigurazione di Ultima Cena, vedi scheda

 

Immagini e notizie da:
https://www.patrimoine-histoire.fr/Patrimoine/Paris/Paris-Saint-Vincent-de-Paul.htm


Regione Estero
Localizzazione: FRANCIA - PARIGI. Chiesa di San Vincenzo de' Paoli
Autore: Pierre-Jules Jollivet (1794-1871)
Periodo artistico: XIX secolo
Rilevatore: AC