DEMONTE (CN). Chiesa parrocchiale di San Donato, Ultima Cena, metà XVII secolo

 

La Chiesa, citata per la prima volta in un documento del 1332, assunse gradualmente funzioni parrocchiali nel corso del XIV secolo, a scapito della pieve di San Giovanni Battista. Nel 1431 venne autorizzata dal vescovo di Torino a dotarsi di battistero e ad amministrare i sacramenti, a patto di essere adeguatamente restaurata. Alla fine del secolo avviene il restauro: la chiesa si presenta a tre navate gotiche e tetto a capriate in vista. Altri importanti lavori di restauro si collocano tra il 1665 e il 1671 quando il Comune fece erigere il pulpito e la facciata. Nel 1713 venne costruita la sacrestia; nel 1750 fu creata una quarta navata, più larga e più alta di quella laterale. Nella seconda metà dell’Ottocento, a causa della necessità di radicali interventi al tetto, la chiesa fu ristrutturata interamente, con la riduzione da 4 a 3 navate: i lavori terminano solo nel 1889. Ma pochi anni dopo, nel 1906, nuovi problemi al tetto fecero sì che la navata fosse nuovamente modificata e il tetto fu innalzato di 3 metri per ripristinare più accettabili proporzioni tra larghezza e altezza della navata maggiore.

Nel 1907 Bartolomeo Giorgis affrescò la volta e completò l’opera nel 1912 con gli affreschi del presbiterio.
Sotto questo affreschi ci sono due tele che rappresentano l’Ultima Cena e la Natività.

L’Ultima Cena è datata alla metà del Seicento ed è stata attribuita al pittore di Nizza Bartolomeo Puppo (discepolo del genovese Orazio de Ferrari) che ha lasciato tele nella zona e anche una firmata e datata 1675 nella chiesa della Confraternita di San Giovanni decollato.

 

Immagine da:
https://www.sebastianus.org/wp-content/uploads/2019/06/7-Ultima-Cena.pdf

Link:
https://www.visitdemonte.com/percorsi/chiesa-parrocchiale-di-san-donato/


Provincia Cuneo
Regione Piemonte
Localizzazione: DEMONTE (CN). Chiesa parrocchiale di San Donato
Autore: Bartolomeo Puppo
Periodo artistico: metà XVII secolo
Rilevatore: AC