VARALLO SESIA (VC). Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Ultima Cena di Gaudenzio Ferrari, 1513

 

La Chiesa (elevata a basilica minore nel 1931) fu fatta costruire, assieme all’annesso convento francescano, da padre Bernardino Caimi tra il 1486 e il 1493, in contemporanea con l’avvio dei lavori al Sacro Monte.
Al suo interno la tipica suddivisione tra lo spazio riservato ai fedeli e quello dei frati, separati da una parete divisoria che giunge fino al soffitto (“tramezzo“), retta da tre archi a tutto sesto. Si tratta di un’impostazione che si vuole dettata da san Bernardino da Siena. Pochi sono i tramezzi delle chiese francescane che si sono conservati e quelli che raffigurano anche l’Ultima cena, oltre a questo, sono a Ivrea, Piancogno e Bellinzona.

Questa grande parete divisoria, dal lato rivolto al pubblico, nel 1513 fu affrescata da Gaudenzio Ferrari (Valduggia VC, 1475/1480 – Milano, 1546) con una delle sue opere di maggior valore artistico che racconta la Vita e la Passione di Cristo.
Sono, come nel tramezzo dipinto in precedenza da Giovanni Martino Spanzotti a Ivrea in San Bernardino, vedi scheda; venti riquadri che circondano la grande scena della Crocifissione.

Qui Gaudenzio pone l’Ultima Cena nel registro superiore all’estrema destra.
Iconografia singolare, dove la scena presenta i dodici Apostoli seduti attorno alla tavola rettangolare con alcune figure di spalle in primo piano. Ma il punto focale è, in secondo piano, Giuda che riceve il boccone da Gesù, come riportato da Giovanni (6.26) in risposta alla domanda di chi fosse il traditore.

Immagini da Wikimedia

Link:
https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_della_Madonna_delle_Grazie_(Varallo)


Provincia Vercelli
Regione Piemonte
Localizzazione: VARALLO SESIA (VC). Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Autore: Gaudenzio Ferrari
Periodo artistico: 1513
Rilevatore: AC