RIVOLTA D’ADDA (Cr). Basilica di Santa Maria e San Sigismondo, Ultima Cena.

La parte centrale è occupata dall’Ultima Cena databile alla fine del XIII secolo.
L’affresco è stato eseguito con due tecniche diverse: a malta fresca in alto e a calce spenta e polveri in basso. Quest’ultima parte che rappresentava i tavoli, le vivande e il vasellame è praticamente scomparsa.
Il momento rappresentato è quello in cui Gesù rivela ai discepoli il tradimento di Giuda che è l’unico a non avere l’aureola. L’annuncio sembra non essere arrivato a tutti i commensali tanto che alcuni di essi, gli ultimi due a destra di chi guarda, per esempio, continuano a dialogare quasi non avessero ascoltato la drammaticità delle parole del Cristo.

Fonte: www.basilicadirivoltadadda.it