REZZO (IM). Santuario di Nostra Signora del Santo Sepolcro e di Maria Bambina, con Ultima Cena, 1515

 

Ultima Cena, affresco eseguito da Pietro Guido da Ranzo nel 1515.
Qui Giuda tende la mano verso il piatto, mentre Gesù con la mano destra sembra prendere un pezzo di pane.

Voluto dai capi famiglia della comunità medievale di Rezzo, riunitesi nel 1444, quale luogo di culto (inizialmente un convento) intitolato a Maria Bambina, l’edificio fu edificato nel corso del XV secolo da maestranze e artigiani del luogo o comunque della valle. Realizzato in circa cinquant’anni, ad ovest del paese e a circa due chilometri dal centro abitato, in stile romanico-gotico, fu solennemente consacrato e aperto al culto religioso nel 1492 dal vescovo Leonardo Marchesi della diocesi di Albenga e divenne ben presto uno dei monumenti architettonici religiosi più importanti della valle Arroscia.

L’interno del santuario si presenta a tre navate, divise da colonne con capitelli scolpiti, ed esternamente la facciata è caratterizzata da un rosone in pietra. I diversi cicli di affreschi sono opera di un anonimo pittore francese (probabilmente della zona delle Alpi Marittime) della fine del XV secolo e di Pietro Guido da Ranzo, questi ultimi databili al 1515, con raffigurazioni inerenti a scene di vita e passione di Gesù.
In una nicchia è presente una statua marmorea della Madonna con il Bambino del XVII secolo, opera dello scultore Filippo Parodi allievo del celebre Gian Lorenzo Bernini.

 

Vedi allegato: Christiane Eluère, L’Ultima Cena con gamberi a Pigna e altre Ultime Cene nel Ponente ligure: Christiane Eluère, Pigna, l Ultima Cena

Link:
https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_di_Nostra_Signora_del_Santo_Sepolcro_e_di_Maria_Bambina


Regione Liguria
Localizzazione: REZZO (IM). Santuario di Nostra Signora del Santo Sepolcro e di Maria Bambina
Autore: Pietro Guido da Ranzo
Periodo artistico: 1515
Data ultima verifica: 14/05/2020
Rilevatore: Feliciano Della Mora