GRAN BRETAGNA – LONDRA, British Museum, Bibbia di Floreffe con miniatura di Ultima Cena

Il codice in due volumi fu redatto nel 1170 circa
Nel folio 4r del secondo volume vi è la miniatura con in alto la scena della Trasfigurazione e sotto l’Ultima Cena.

Gregorio Magno († 604) spiegò che comprendere un testo è come costruire un edificio: per prima cosa si gettano le basi storiche; poi attraverso la significazione tipologica si eleva una cittadella di fede nella struttura della mente; infine, attraverso l’interpretazione morale, si riveste l’edificio di colori. Le illustrazioni bibliche più sofisticate incorporano in questo modo vari strati di significati. Tra la fine dell’XI e il XII secolo, questo tipo di composizione complessa era particolarmente popolare nella valle della Mosa, nell’odierno Belgio. Questo metodo, spesso con numerose iscrizioni e citazioni bibliche incorporate nell’immagine, era impiegato per decorare scrigni, croci e reliquiari in metallo, oltre ai libri. Uno degli esempi più elaborati e complessi di questo tipo di decorazione si trova in una grande (475 x 330 mm) Bibbia in due volumi realizzata nell’abbazia premostratense di Floreffe, sul fiume Sambre vicino a Namur, nel 1170 circa.


Il codice è digitalizzato in
https://www.bl.uk/manuscripts/FullDisplay.aspx?ref=Add_MS_17738

http://www.bl.uk/manuscripts/Viewer.aspx?order=b&ref=add_ms_17738_fs001r


Regione Estero
Localizzazione: GRAN BRETAGNA – LONDRA, British Museum
Periodo artistico: 1170 circa
Rilevatore: AC