FIRENZE. Chiesa di San Remigio, con Ultima Cena

ULTIMA CENA, affresco in terra verde, di ignoto pittore della prima metà del XV secolo

Una prima chiesa fu costruita al posto dell’ospizio per i pellegrini, sorto nel IX secolo e dedicato a San Remigio vescovo di Reims, ed è ricordata nel 1040, mentre l’edificio attuale in stile gotico risale al rifacimento del 1350. Altri ampliamenti ed innovazioni furono realizzati nei secoli successivi, in particolare nel Seicento furono posti due altari barocchi e nel 1818 fu realizzato l’altare maggiore.
Conserva un’ULTIMA CENA dipinta da un ignoto artista nella prima metà del Quattrocento con la tecnica della “terra verde”. L’iconografia è ancora tardo gotica e gli Apostoli sono allineati su un lato del tavolo tranne Giuda. L’opera è purtroppo mutila e necessita di un restauro.

La tecnica della pittura murale a monocromo in terra verde, prevedeva la realizzazione di un’omogenea stesura pittorica di tale colore che veniva sfruttata come colore medio e che dava tutta la scena l’intonazione verde. Su questo fondo veniva di solito tracciato il disegno eseguito a pennello e il chiaroscuro era creato con poche sfumature di verde, nero e bianco. Pochi altri colori, soprattutto ocre gialle e rosse, erano raramente utilizzati per piccoli dettagli e particolari decorativi come le bordature dei panneggi delle figure. Tale tecnica consentiva di realizzare a basso costo superfici murali molto vaste e soprattutto era impiegato per quei luoghi considerati di minore importanza e di passaggio, oltre che per sottolineare aspetti pauperistici. La velocità con cui si potevano eseguire le decorazioni utilizzando questa tecnica e la grande economicità, ne favorirono l’uso soprattutto negli ambienti monastici e per le raffigurazione dell’Ultima Cena o Cenacolo.

Immagine da Wikimedia Commons


Regione Toscana
Localizzazione: FIRENZE. Chiesa di San Remigio
Autore: ignoto
Periodo artistico: prima metà del XV secolo
Rilevatore: AC