CONFEDERAZIONE ELVETICA – BASILEA. Kunstmuseum Basel, Ultima Cena di H. Holbein il Vecchio e H. Herbst, 1524-27 circa

 

Olio e tecnica mista su tela (144 x 155 cm). Numero inventario 303.
Si tratta di uno dei cinque quadri di una serie della Passione di Cristo, appartenenti all’insieme con numeri di inventario 303-307.

Proviene dalla collezione Amerbach 1662; Basilius Amerbach possedeva solo la Cena e la Flagellazione, che considerava le prime opere di Hans Holbein il Vecchio. Gli altri tre dipinti (Pilato si lava le mani, Cattura di Cristo, Cristo sul monte degli Ulivi) furono acquistati da Peter Birmann solo nel 1835.
In considerazione del carattere eterogeneo delle opere del ciclo, l’attribuzione ha causato notevoli difficoltà e controversie; le formulazioni monumentali e succinte di Pilato si lava le mani e della Flagellazione contrastano in particolare con la composizione contorta e ampia della Cena, che illustra il momento in cui Gesù porge il boccone a Giuda.
Le molte somiglianze, tuttavia, suggeriscono la produzione di un’unica bottega.
L’attribuzione più accreditata le considera opere di Hans Herbst (Strasburgo, 1470 – Basilea, 1552) in probabile collaborazione con Hans Holbein il Vecchio (1460 circa – 1524 ).
È verosimile che la commissione per le opere fosse stata data a Hans Herbst, che presumibilmente coinvolse Hans e Ambrosius Holbein.

Il Museo d’Arte di Basilea risale all’acquisto della collezione degli Amerbach, una famiglia di stampatori, da parte della città di Basilea nel 1661/2: esso è quindi il primo museo in possesso di una comunità borghese cittadina. Ospita molte opere d’arte di esponenti della famiglia Holbein.

 

Informazioni da :
http://sammlungonline.kunstmuseumbasel.ch/eMuseumPlus?service=ExternalInterface&module=collection&objectId=964&viewType=detailView


Regione Estero
Localizzazione: CONFEDERAZIONE ELVETICA – BASILEA. Kunstmuseum Basel
Autore: Hans Holbein il Vecchio e H. Herbst
Periodo artistico: 1524-27 circa
Rilevatore: AC